Nuova struttura per donne vittime di violenza

Associazioni
Tipografia

Casa-rifugio sempre gestita da Casa delle Donne per non subire violenza per una dimensione più adeguata.

Bologna è una delle città che offrono maggiormente accoglienza a donne che subiscono violenza e anche ai minori eventualmente coinvolti, la città negli ultimi anni ha aperto tante strutture per dare un rifugio sicuro alle donne in difficoltà. 

Il Comune di Bologna in collaborazione con “Casa delle Donne” e con il supporto della Città Metropolitana di Bologna, farà partire presto il nuovo progetto “Ri-uscire”, finanziato dalla Regione Emilia-Romagna e volto a proteggere donne sole o con figli che necessitano di un posto sicuro dove essere ospitate.

La nostra città è impegnata su questo fronte fin dagli anni ’90 e infatti è qui che è nato uno dei primi centri anti violenza italiani, la “Casa delle Donne per non subire violenza” che all'inizio poteva offrire solo 7 posti letto totali, una struttura decisamente piccola ma che comunque era già un punto di riferimento. 

Da allora le cose sono progredite e sono aumentati i centri d’accoglienza che offrono ascolto e ospitalità e che permettono alle donne che si rivolgono loro non solo di sentirsi protette e aiutate ma anche di cominciare una nuova vita, ricominciare a vivere autonomamente, lavorare e provare a camminare da sole senza avere più paura.

Pensate che nel 2017 sono state ben 48 le richieste di aiuto rifiutate per mancanza di posti letto disponibili nei rifugi e questa condizione ha fatto prendere la decisione di aumentare la disponibilità di strutture e rafforzare quindi la possibilità di accogliere donne in caso di emergenza. 

Centri Antiviolenza Al Tuo Fianco Manifesto

 

Questo nuovo progetto “Ri-uscire”, offrirà 10 posti letto aumentando così la possibilità di essere d’aiuto a più donne e alleggerendo altre case rifugio che ormai riescono a far poco per frenare l’emergenza, perché piene e completamente occupate; un segnale comunque gravissimo, indice di quanta violenza siano costrette a subire le donne.

Allargare questo sistema di ospitalità sarebbe un ulteriore segnale di come si stia provando a lavorare per garantire un supporto maggiore e completo; la violenza sulle donne è una piaga che, soprattutto negli ultimi anni sta diventando sempre più frequente, c’è un caso di femminicidio al giorno e questo è sì negativo ma anche molto significativo. 

Per cercare di essere più presenti, il Comune e la Città Metropolitana di Bologna, si sono prefisse l’obbiettivo di costruire, nel corso del 2018, nuove connessioni con il sistema di accoglienza e ospitalità che coinvolge tutta la vasta area attorno a Bologna.

Certo, il lavoro da fare è ancora complesso e lungo perché non è facile offrire a tutte le donne che chiedono aiuto, un supporto adeguato, i casi sono molto diversi tra loro e questo rende ancora più difficile dare un giusto sostegno specie se sono coinvolti anche dei minori, in tal caso lo sforzo dovrà essere maggiore perché tutelare un bambino e aiutarlo psicologicamente è un compito ancor più difficile; bisogna salvaguardare la sua salute psicologica e al tempo stesso, sostenere la madre con ogni mezzo.

Valentina Trebbi

Condividi

FacebookTwitter
BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS
×
Iscrizione alla newsletter
Iscriviti tramite il nostro servizio di abbonamento gratuito di posta elettronica per ricevere le notifiche quando sono disponibili nuovi articoli.
×