Risewise: l’inclusione sociale della donna disabile

Inclusione
Tipografia

L’innovativo progetto europeo del programma comunitario Horizon 2020.

Cinzia Leone, ricercatrice freelance, è la curatrice di Risewise: “Rise Woman with disabilities in social engagement”. Il lavoro con capofila l’Università di Genova, ha coinvolto Enti di ricerca, Atenei e imprese europee. E’ un progetto originale, mai sperimentato prima e finanziato con fondi europei in ambito Horizon 2020.

Il progetto avviato nel 2016 pone l’attenzione sulla condizione della donna con disabilità nel mondo in cui vive. In particolare è uno strumento per riflettere sulle sfide che la donna deve affrontare per ridurre sempre più il divario che esiste tra uomini e donne con handicap.

Donne Con Tablet

Foto: immagine del progetto Risewise © www.funka.com

Uno degli scopi fondamentali del progetto è quello di sviluppare nuove competenze in grado di migliorare l’integrazione sociale e in generale la vita delle donne con disabilità, secondo una prospettiva di genere che promuova un pieno godimento dei diritti e dell'uguaglianza di ogni persona nel rispetto della differenza.

Infatti, la differenza di genere è sempre più evidente ed emergente, le donne disabili, più degli uomini sono spesso emarginate, prima dall'istruzione e dall'alta formazione, poi dal mondo del lavoro.

Riesewise intende lanciare una sfida alla società contemporanea allo scopo di cambiare le pratiche di inclusione sociale e rendere disponibile anche a donne con disabilità una vita normale, garantendo lavoro, istruzione e famiglia.

Chiara Garavini

Condividi

FacebookTwitter
BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS
×
Iscrizione alla newsletter
Iscriviti tramite il nostro servizio di abbonamento gratuito di posta elettronica per ricevere le notifiche quando sono disponibili nuovi articoli.