Lara Saint Paul e i colori della felicità

© Il Sole 24 Ore

Personaggi
Tipografia

Si è spenta l’8 maggio scorso, a Casalecchio di Reno nel bolognese, la cantante italiana Lara Saint Paul.

Al secolo Silvana Areggasc Savorelli, molto nota già dagli anni sessanta. Nata in provincia di Ravenna, precisamente a Fusignano, nel 1945, si fa conoscere al grande pubblico nel 1962 al Festival di Sanremo, con il nome d’arte Tanya, interpretando il brano "I colori della felicità".

Iniziò a farsi chiamare Lara Saint Paul nel 1967, partecipando al Festival della Canzone Napoletana, cantando insieme ad Anna German il brano "Te faje desiderà". Fu un successo clamoroso quando Lara al Festival di Sanremo del 1968, duettò insieme a Louis Armostrong cantando il brano: "Mi va di cantare". Sempre nello stesso anno fa il suo debutto televisivo sul primo canale, con il varietà e nel 1969 assieme a Raffaele Pisu partecipa al programma TV: "La domenica è un'altra cosa".

A Canzonissima nel 1971, non passa il turno con il brano: "Strano". Sempre nel 1971 esce un LP, dove interpreta tutte le canzoni del Festival di Sanremo 1971. "Se non fosse fra queste mie braccia lo inventerei", partecipò nuovamente al Festival della Canzone Italiana nel 1972. Ebbe anche successo anche nell'Est europeo, eseguendo classici come: "If I Couldn't Help Weeping", "Hello", "Lucia" e "Do Believe Me".

Nel 1973 va in finale con il brano: "Una casa grande" ed inizia a collaborare con il celebre arrangiatore Quincy Jones, ha interpretato anche brani di Paolo Limiti. Lara, canta con maggior decisione e sicurezza il brano: "Non preoccuparti".

Lara Saint Paul Copertina Disco

Foto: copertina di uno dei dischi incisi dalla Saint Paul 

Di lei, Louis Armstrong disse: «Nella mia lunga carriera ho conosciuto molti cantanti che hanno lavorato con me, ma fra tutte, a mio parere, Lara è la migliore, essendo un'artista veramente  completa». Quincy Jones disse di lei: «Ho scoperto una cantante che può diventare una delle più grandi dive del mondo. Con lei ho fatto solo un'incisione, ma spero che sia l'inizio di una lunga, lunga collaborazione».

Lara, con il successo, inizia ad esibirsi sia in Europa che negli Stati Uniti, lavorando con personaggi del calibro di Ray Charles, Bill Conti, Henry Mancini, Stevie Wonder, The Pointer Sisters, Leon Ware e Roberta Flack. Dal 1975 Lara inizia con la United artist terminando la collaborazione con la Polydor, incide altri brani, effettuando un tour tra Stati Uniti e Sud America. Nel 1977, aiutata dal marito P. Q. Cariaggi, Lara fonda la casa editrice e discografica: Lasapa (iniziali del suo nome d'arte). Le sue interpretazione fanno il giro del mondo, arrivando persino in Giappone.

Negli anni '80 interpreta brani, cover di artisti come Ivano Fossati, Beniamino Gigli, interpretati in chiave moderna. Da segnalare che un suo brano "Ohi Maria", venne riproposto nel 1995 dagli Articolo 31 vincendo un disco per l’estate. Ha interpretato anche canzoni immortali, come: "Sempre" della intramontabile Gabriella Ferri. Sempre negli anni '80 svolge attività di giornalista e designer. Si fa notare anche come soubrette che tenta di lanciare la ginnastica aerobica in Italia, incidendo anche dei brani e vincendo il disco d’oro

Il personaggio, Lara Saint Paul, tra gli anni ‘90 e 2000 appare in molti programmi TV tra cui quello di Iva Zanicchi e quello, ben più noto, "I migliori anni" di Carlo Conti e "Domenica In" con Lorella Cuccarini. Lara Saint Paul, amica di Frank Sinatra per 26 anni, dirà di lui: ”Ho conosciuto Frank nel 1972, dopo un concerto a Londra. Da un semplice incontro è nata un'amicizia che non è mai finita".

Valter D'Angelillo

Condividi

FacebookTwitter
BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS
×
Iscrizione alla newsletter
Iscriviti tramite il nostro servizio di abbonamento gratuito di posta elettronica per ricevere le notifiche quando sono disponibili nuovi articoli.
×